Recensioni di prodotti

Aggiornamento di rete UniFi: vale la pena aggiornare Dream Machine Pro?

Oggi, durante il collegamento, daremo un’occhiata a Unifi Dream Machine Pro, verificheremo alcune delle nuove funzionalità avanzate nel controller unifi e scopriremo se questo è un prodotto per nuove installazioni unifi o se vale la pena aggiornarlo da un UniFi Scurita Gateau esistente.

Se hai mai sentito il vecchio adagio se non è rotto non aggiustarlo, questo video ne è un ottimo esempio. La mia rete UniFi è praticamente impeccabile da oltre un anno. Ampia copertura, zero tempi d’inattività e grande sicurezza, ma le persone mi hanno chiesto se il nuovo UniFi Dream Machine Pro vale i soldi rispetto alla mia configurazione precedentemente raccomandata, quindi ne ho preso uno e ho smontato la mia rete perfettamente funzionante per aggiornare al unifi dream machine pro.

Questo video è stato sponsorizzato da HolidayCoro.com. HolidayCoro è uno dei più grandi fornitori al mondo di oggetti di scena, controller e accessori per spettacoli di luci natalizie. Sia che tu voglia costruire un semplice display per la casa o un viaggio su larga scala attraverso il parco, HolidayCoro ti offre luci, una gamma modulare ed espandibile di controller d’illuminazione avanzati per luci basate su RGB e CA e un’enorme varietà di opzioni di montaggio e oggetti di scena per entrambi principianti e veterani esperti. Dai un’occhiata alla vasta selezione di holidaycoro dal link nella descrizione.

Se stai pensando di fare il grande passo in una rete di fascia alta per presumer per la tua casa intelligente, ti consiglio vivamente di guardare la mia serie in tre parti dell’anno scorso, ma se sei a corto di tempo ecco un breve riassunto della mia rete fino a poche settimane fa: circa 100 dispositivi sono distribuiti su tre LAN virtuali segmentate: una VLAN per dispositivi IoT basata su cloud che consente solo il traffico in uscita e impedisce a tali dispositivi di accedere alla rete locale, una VLAN per i miei dispositivi IoT locali, che impedisce a tali dispositivi di contattare dispositivi al di fuori della mia rete e uno per i nostri computer, telefoni e tablet che ha accesso praticamente illimitato. Il sistema si basa completamente sull’ecosistema UniFi con un UniFi Security Gateway come router e firewall e tre punti di accesso UniFi che forniscono reti WiFi diverse per ogni tipo di dispositivo.

Come ho detto prima, la mia rete ha funzionato in modo impeccabile … Come perfetto. Quindi ho temuto di doverlo fare per passare a UDM: Pro e sfortunatamente le mie paure si sono rivelate abbastanza fondate.

Allora perché dovrei sottopormi a questa tortura? L’USG è un router e firewall molto capace, ma poiché UniFi continua a introdurre nuove funzionalità, le specifiche relativamente sottodimensionate dell’USG fanno sì che limiti la velocità della tua rete quando le abiliti.

Non solo UniFi Dream Machine Pro risolve questi problemi con aggiornamenti considerevoli sia nella CPU che nella RAM, ma UDM Pro combina anche più dispositivi in ​​uno.

Se stavi partendo da zero e stavi pianificando di acquistare un USG, Cloud Key Gen2 Plus e 8 Port Switch, saresti pazzo non solo ottenere il Dream Machine Pro, ma se hai già quell’attrezzatura o non lo fai. Non serve un interruttore o una chiave cloud, potrebbe non valerne la pena.

Ho fatto ore di ricerca prima ancora di estrarre il mio UDM Pro dalla scatola, quindi sapevo che potevano esserci alcune insidie. Molti blogger e youtuber hanno riferito che UDM ha avuto problemi a trovare una connessione Internet nonostante fosse collegato a un modem via cavo. Altri video di YouTube hanno mostrato che UDM Pro non si avviava, richiedendo l’avvio in modalità di ripristino. Fortunatamente ho avuto modo di sperimentare tutti questi problemi e alcuni altri. Tutto sommato, la mia configurazione iniziale del mio UDM ha richiesto poco meno di 2 ore e ha richiesto il mio telefono, il mio computer desktop e 500 megabyte di dati mobili per scaricare un file del firmware di ripristino sul mio laptop.

Ma nel grande schema delle cose, 2 ore non sono un grosso problema. Ciò che contava davvero era il fatto che ero in grado di migrare abbastanza facilmente la mia intera configurazione di rete dalla mia chiave cloud e USG a UDM Pro utilizzando la funzionalità di backup e ripristino, che per fortuna è andata via senza troppi intoppi.

Ecco come lo fai:

Innanzitutto, dovrai assicurarti che la tua chiave cloud sia aggiornata al firmware più recente, quindi andare alle impostazioni unifi selezionare backup. Puoi scegliere d’includere i dati storici se hai bisogno di mantenere le statistiche, ma più dati scegli per il backup, più grande sarà il file e più tempo ci vorrà per il ripristino. Ho scelto di mantenerlo semplice e di scaricare solo le mie impostazioni, senza dati storici.

Successivamente, dovrai spegnere il controller, che è più che scollegarlo. Secondo Ubiquiti, spegnere correttamente il controller previene una situazione di doppio controller in cui il resto delle apparecchiature non migrerà automaticamente sul nuovo controller. Non avevo il menu a cui faceva riferimento la documentazione di ubiquiti, ma ho trovato l’opzione di spegnimento nel mio portale di gestione delle chiavi cloud, in impostazioni, hardware, quindi spegni.

Ok, lavoro di preparazione fatto, è ora di sistemare questa cosa. Ho scollegato il mio modem via cavo dal mio vecchio USG, l’ho collegato alla porta LAN da uno GB sulla dream machine pro e ho cambiato il cavo LAN che si collega al mio switch UniFi a 16 porte. Ho acceso Dream Machine Pro e poi ho spento e riacceso il mio modem via cavo. Il metodo di configurazione preferito per Dream Machine Pro è tramite Bluetooth e l’app per telefono unifi. All’inizio il processo sembrava estremamente fluido e il mio UDM è stato rilevato quasi immediatamente. Dopo aver recuperato i dati iniziali per poco più di un minuto, ho raggiunto il primo ostacolo: rilevare una connessione Internet e, proprio come i video che avevo visto, il rilevamento non è riuscito. Ho notato però qualcosa di strano: a un certo punto ho scollegato l’UDM cercando di farlo rilevare Internet e l’app UniFi non se ne è accorta … Continuava a darmi il messaggio di assenza di connessione Internet, nonostante l’app non potesse essere connesso alla macchina dei sogni spenta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Enter Captcha Here : *

Reload Image